5 ERRORI DA NON FARE IMBIANCANDO

5 ERRORI DA NON FARE IMBIANCANDO
imbiancare

Anche se si tratta di un’operazione che può risultare semplice, imbiancare le pareti richiede una grande attenzione e una buona pianificazione, nonché organizzazione. Le imperfezioni dei muri, come le macchie di umidità, muffe, fori, non scompariranno sotto la vernice. È indispensabile giocare in anticipo e intervenire prima di dipingere le pareti. Quindi come tutti i lavori di ristrutturazione, anche per imbiancare vale la stessa regola: pianificare, per evitare brutte sorprese. In questo articolo abbiamo pensato di raccogliere gli errori più comuni, per prepararti al meglio e darti tutti gli strumenti per dipingere da vero professionista.

ERRORE #1: SBAGLIARE IL COLORE DELLA PITTURA

Scegliere il colore per le pareti di casa non è solo una questione di “mi piace” o “non mi piace”, al contrario è una fase molto delicata e da non sottovalutare. Molti, mossi dal desiderio di iniziare quanto prima i lavori di rinnovo, basano la loro scelta attraverso l’utilizzo di una cartella tinta. La cosa più sbagliata in assoluto! Quel colore visto su carta, che hai amato follemente dal primo momento, potrebbe rivelarsi completamente differente una volta che la pittura viene applicata sul muro.

La luminosità della tua stanza è uno dei principali fattori che influenza il modo in cui il colore appare nella realtà. Quindi è vitale testare il colore prima di prendere qualsiasi decisione, chiedendo al rivenditore specializzato un campioncino di pittura del colore preferito da portare comodamente a casa, risparmiando tempo e denaro nel lungo periodo.

A questo punto non ti resta che provare il colore su una superficie ampia circa 30 centimetri di tutti i muri della stanza. Poiché la luce riflette in modo diverso da parete a parete e con un diverso livello di intensità, il rischio è che potresti apprezzare il colore da un lato della stanza e odiarlo dall’altro. Ora, attendi 24 ore per vedere il colore nelle diverse condizioni di illuminazione (mattino, pomeriggio e sera) e, soprattutto, per vedere l’aspetto finale dopo l’essiccazione della pittura.

errore #2: non miscelare la pittura prima di iniziare

Ti sembrerà strano, ma ci sono tante persone che dimenticano questo step. E chi lo fa, puntualmente se ne pente.

Prima di iniziare a dipingere, prenditi un attimo per mescolare bene la pittura. Si, il colorificio lo fa per te, ma potrebbe essere necessario anche il tuo intervento. Miscela la finitura per 30 secondi aiutandoti con una bacchetta di legno al fine di evitare che il colore rimanga sul fondo della latta. In questo modo i pigmenti di colore e gli altri ingredienti della pittura si amalgamano ben bene tra di loro.

ERRORE #3: DIMENTICARE DI PREPARARE LA STANZA

Un’altra cosa che tante persone (magari alle prime armi) non fa è concedersi un po’ di tempo nella preparazione della zona di lavoro. Se vuoi evitare di passare un’eternità nel pulire casa, ricordati di coprire con dei panni vecchi, o dei teli specifici, il pavimento e i mobili, e spostare le cose in un’altra stanza prima di iniziare a dipingere.

Ecco qui delle raccomandazioni utili:

  • Sposta l’arredo (tavoli, sedie, credenze) fuori dall’area di lavoro. In alternativa, puoi collettare tutto al centro della stanza.
  • Proteggi il pavimento con dei panni. Ricordati che quelli in tessuto o in spugna assorbono la pittura con la probabilità di macchiare il pavimento. Usa, quindi, teli in plastica.
  • Copri con un nastro per mascherare i battiscopa, i rivestimenti e il soffitto.
  • Pulisci le pareti con un panno umido per rimuovere la polvere, lo sporco e le ragnatele.

errore #4: fare troppo affidamento sul nastro mascherante

Il nastro per mascheratura è sicuramente uno strumento utile per chi ha poca dimestichezza nell’imbiancare le pareti e per chi vuole evitare di verniciare accidentalmente il soffitto. Ma, purtroppo non è infallibile! La pittura potrebbe andare oltre il nastro e quando andrai a toglierlo potresti essere deluso del risultato. Ti starai allora chiedendo “ma a cosa serve mettere il nastro e perché è sempre incluso tra gli strumenti da avere quando si decide di imbiancare casa?”. Il nastro serve a dare una linea guida. Quindi dopo averlo applicato, usa un pennello con un manico inclinato e inizia a dipingere con mano ferma, facendo il tuo meglio per rimanere sopra i margini del nastro.

Una volta terminato, rimuovilo.

ERRORE #5: NON PRENDERSI CURA DI RULLI E PENNELLI

Quanti pennelli hai dovuto buttare perché le setole si erano indurite? La pulizia degli strumenti è assolutamente necessaria se non vuoi indebitarti per l’acquisto di pennelli e rulli 😉.

Ecco un trucchetto. Se hai intenzione di fare una pausa di 15/30 minuti, avvolgi il pennello e il rullo in un sacchetto di plastica e mettilo in frigorifero: eviterai che la vernice si secchi e rovini gli strumenti. Quando sei pronto a tornare al lavoro puoi semplicemente estrarli dal sacchetto e utilizzarli immediatamente.

Quando, invece, ti fermi per attendere l’essicazione tra una mano e l’altra, nonché più di 12 ore, la soluzione migliore è quella di lavare gli strumenti a fondo con acqua tiepida e lasciarli asciugare prima di riutilizzarli.

E la vaschetta? Il modo più facile per pulirla è versare la vernice rimanente nella latta e lasciare asciugare i resti. Una volta che la pittura è completamente essiccata la si può levar via come si faceva con la colla vinilica sulle mani :-D. Oppure puoi fare uso di sagome in plastica usa e getta. 


Inizio pagina

Avvisiamo i nostri utenti che il servizio consumatori tramite linea telefonica verrà sospeso per motivi tecnici. Ad ogni modo, potrete mettervi in contatto con noi tramite i nostri canali social, Facebook e Instragram